La generosità degli imprenditori cinesi raggiunge Villa Minozzo: donate mascherine a Croce Verde, Comune e Carabinieri

Sempre attivi, generosi e presenti gli imprenditori reggiani di origine cinese, in specifico quelli che aderiscono all’A.I.C.E.R, Associazione Imprenditori Cinesi dell’Emilia Romagna, che nella giornata di oggi hanno donato al Comune, alla Croce Verde di Villa Minozzo, Servizi Sociali e ai Carabinieri locali 2.000 mascherine chirurgiche.

Con un rapido passaggio il presidente dell’ AICER Franco Zhao, con la mediazione del socio Cai e del presidente dell’U.N.U.CI, Unione Nazionale Ufficiali In Congedo d’Italia, magg. Fabio Zani, hanno consegnato i materiali alla dott.ssa Dea Tojalli, assessore del Comune e attiva nella Croce Verde, ringraziando Lei, il personale del comune e dei servizi sociali, i volontari e dipendenti della pubblica assistenza e delle case protette, per l’immane lavoro che stanno facendo per una comunità di cui anche loro si sentono parte e che li vede attivi in molteplici campi di cui alcuni indispensabili nel momento attuale.

La dott.ssa Tojalli ha ringraziato anche a nome del presidente della Croce Verde di Villa Minozzo Cav. Renato Montelli, ricordando che il materiale che giornalmente viene utilizzato è di decine di pezzi e mentre si è in attesa del difficoltoso rifornimento che purtroppo interessa centinaia di presìdi in tutta Italia, questa donazione è particolarmente utile, ma oltre al sostegno materiale in particolare è gradita la vicinanza espressa verso il gravoso lavoro delle persone, uomini e donne che in questo particolare momento ed impegno si sentono gratificati dal sentire che i loro sforzi sono apprezzati dalla popolazione tutta mentre garantiscono servizi essenziali.

Quello della componente reggiana di origine cinese continua ad essere un gesto di generosità e ringraziamento per una terra ed una comunità in cui si cerca di vivere nei migliori dei modi, un gesto che ogni giorno viene ripetuto da tanti, nei limiti delle loro possibilità, un gesto che vuole spronare tanti altri a queste iniziative, comunità che in ogni caso si sta impegnando a sostenere con comportamenti corretti, materialmente ed economicamente ogni sforzo per tornare alla normalità.

Il sindaco comm. Elio Ivo Sassi, anche rappresentante locale dell’A.I.O.C., Associazione Insigniti di Onorificenze Cavalleresche, impossibilitato a muoversi dal comune, in contatto telefonico ha espresso ancora un grazie sentito al mediatore Cai e ai presidenti Zhao e Zani garantendo che quanto ricevuto sarà distribuito equamente tra tutti coloro che ne necessitano, specie se in servizi utili, ricordando che nel territorio sono presenti quattro case protette, molti anziani e che si tratta del più vasto comune d’Italia.

Stesso discorso vale per il territorio coperto dalla pubblica assistenza che addirittura copre anche una parte della montagna modenese ed alla quale è affidato il delicatissimo compito, oltre alla emergenza, di trasportare chi necessita di cure o esami ai vari ospedali di destinazione.
Un ringraziamento sentito e particolare anche e in special modo a tutte le persone che ci garantiscono la sopravvivenza: dalla sanità alle forze dell’ordine, dai servizi essenziali quali i comuni, l’assistenza sanitaria e per le emergenze, le case protette, a tutti quelli che col loro lavoro oscuro producono nei campi e nelle officine, trasportano, distribuiscono merci, servizi ed alimentari.

Fabio Zani