Festa di San Prospero, il patrono di Reggio Emilia. La storia del Santo e il discorso del Vescovo alla città: “Crisi demografica e speranza”

Secondo la tradizione il Santo Patrono visse nel V secolo e fu vescovo di Reggio Emilia tra il 480 ed il 505 circa. Secondo l’usanza di allora il Vescovo veniva eletto dal clero e dal popolo riuniti in assemblea – famoso è l’esempio di S. Ambrogio – scegliendolo tra i preti o laici più stimati per fede, dottrina e pietà.

Per capire il ruolo di San Prospero nella vita e nella storia della città e della diocesi, bisogna rivedere le vicende di quei tempi difficilissimi. Nel 476 Odoacre, capo degli Eruli, prima mercenario, poi invasore dell’impero Romano d’Occidente, aveva sconfitto e ucciso il generale romano Oreste a Pavia e deposto l’ultimo imperatore Romolo Augustolo.

Poi per parecchi decenni Odoacre regnò sull’Italia col titolo di Patrizio romano, appropriandosi di un terzo delle terre per assegnarle ai suoi soldati e alle loro famiglie. Si ebbe quindi in Italia un periodo di relativa calma, se si eccettuano i facili soprusi e le violenze che si verificarono mentre i proprietari grossi e piccoli venivano spogliati delle loro terre e case, spesso costretti alla fuga o uccisi se si opponevano alla confisca… Ma ecco che i patti e le alleanze di Odoacre con i Vandali d’Africa, i Visigoti di Spagna, i Franchi e i Burgundi di Francia, ingelosirono Zenone, imperatore d’Oriente, il quale anche per liberarsi di Teodorico e dei suoi Ostrogoti, li spinse ad invadere l’Italia. Quasi quattro anni durò la guerra tra Eruli ed Ostrogoti, Odoacre fu sconfitto nel 489 sull’Isonzo poi a Verona poi sull’Adda e costretto a rifugiarsi a Ravenna.

Qui resistette tre anni all’assedio, poi nel 493 si arrese e fu ucciso a tradimento. Quattro anni di guerra, di scorrerie e di saccheggi dell’esercito per mantenersi! Quattro anni di anarchia e di violenze in tutta la nostra regione, mentre i cittadini più ricchi e colti, i magistrati romani fuggivano a sud.

La gente abbandonava la pianura e si rifugiava sui monti e nei boschi. In questa situazione furono i Vescovi che dovettero assumere gli oneri dei magistrati, spesso anche come giudici ed amministratori delle città. In mancanza di altri e per il primato religioso e morale, di cui erano investiti, i Vescovi dovettero esercitare sia le funzioni religiose che pubbliche, veri difensori della città.
In questi gravosi compiti San Prospero dovette distinguersi più che i sette Vescovi suoi predecessori, non solo per le sue virtù e dottrina, ma sopratutto per la diffusione del Vangelo, la protezione dei deboli e l’assistenza agli sbandati.

Il papa Leone decise di eleggerlo vescovo a Reggio Emilia nel 440 circa. San Prospero visse tra il 410 e il 500 circa, ma di quel tempo pressochè tutto è andato distrutto. Colpa della disastrosa invasione degli Ungari – Magiari. Nell’anno 899, dopo aver invaso e saccheggiato Veneto e Romagna, vennero in Emilia ove distrussero il Monastero di Nonantola e a Reggio quelli di S. Tommaso e S. Prospero, arrivando persino ad uccidere il Vescovo Azzo II.

A San Prospero va la devozione locale a seguito del salvataggio della città dal sacco di Attila: gli Unni non si accorsero dell’abitato perché un intervento provvidenziale invocato da San Prospero avvolse Reggio in una generosa coltre di nebbia.
***

Clicca qui per leggere IL DISCORSO DEL VESCOVO