Basket, Unahotels si presenta ai reggiani: ambizione, entusiasmo e voglia di vincere per una stagione indimenticabile nonostante le regole anti-Covid

Nonostante l’assenza (causa norme anti-Covid) dei tifosi della Pallacanestro Reggiana, non è mancato l’entusiasmo ieri al Circolo CERE di Canali dov’è stata inaugurata la nuova stagione 2020/2021 della Pallacanestro Reggiana fresca di nuova divisa del main sponsor Unahotels.
Nelle prime file presenti i giocatori e l’intero staff. Una squadra non ancora definita al 100% in quanto mancano ancora all’appello due nomi che saranno scelti “al momento opportuno”, ha specificato l’AD Della Salda.

Per ora, oltre agli stranieri ingaggiati Taylor e Bostic, Pallacanestro Reggiana ha già depositato in Lega i contratti richiesti di atleti italiani: Candi, Baldi Rossi, Diouf, Porfilio, Giannini e Bonacini.

L’Amministratore Delegato Alessandro Della Salda ha spiegato chiaramente che, nonostante si stia partendo da un anno zero con un reset sia dello staff tecnico che dei giocatori, “Idee chiare, logica ed entusiasmo sono chiarissime”. “Purtroppo siamo costretti a non poter ragionare sul ticketing e a prendere in considerazione oggi una campagna abbonamenti che risulta impraticabile in quanto allo stato attuale il regolamento prevede le partite a porte chiuse, quindi senza pubblico”.

Veronica Bartoli (Presidente Pallacanestro Reggiana)

Un rammarico espresso anche dalla Presidente Veronica Bartoli: “Dispiace essere costretti a iniziare la stagione senza tifosi o con la possibilità di averne solo una parte, ma restiamo positivi. Una certezza c’è ed è il gruppo che si sta formando seguendo le linee guida della società caratterizzata da una forte coesione tra i dirigenti”.

“La squadra dovrà tradurre sul campo il modo di essere e di pensare della Pallacanestro Reggiana e trasmetterlo ai tifosi -ha detto il coach Antimo Martino– . Siamo ambiziosi, ma per essere tali è importante partire da basi solide che vanno consolidate giorno dopo giorno»”.

Anche se lo scudetto pare oggi un miraggio, vuole crederci Graziano Sassi, lanciando la speranza in una battuta: “Non mi aspetto di vincere lo scudetto al primo anno, ma dal secondo in poi ci pensiamo. Ce la stiamo mettendo davvero tutta”.

mb