Boxe, Mattia de Bianchi Lo Spartano incassa sul ring del Mirabello la quinta vittoria

Quinta sinfonia per Mattia ‘Lo Spartano’ De Bianchi, che sabato sera sul ring del Mirabello ha sconfitto ai punti con una prestazione maiuscola il pericoloso e combattivo georgiano Spartak Shengelia, ottenendo in pochi mesi la quinta vittoria su altrettanti incontri da professionista e avvicinandosi di un altro passo all’obiettivo del titolo italiano dei pesi supergallo.

L’asso reggiano, seguito all’angolo dai maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi, è stato sorpreso nella prima ripresa dalla partenza sparata del 24enne di Tbilisi, giunto a Reggio con la chiara intenzione di vincere. Dopo aver stretto la guardia e studiato la situazione, Mattia trascinato dal suo pubblico nel secondo round ha preso in mano con personalità le redini dell’incontro, sciorinando tutto il proprio repertorio fatto di aggressività, velocità, tempismo e varietà di combinazioni, spegnendo le velleità di Shengelia e mettendolo più volte in chiara difficoltà. Lo Spartano ha poi fatto sembrare facile un match che facile non era: è mancato solo il colpo del ko, ma gli applausi convinti del Mirabello hanno sottolineato l’ennesima grande prova.


Mattia De Bianchi all’angolo con i maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi

Prima del match clou professionistico, sono andati in scena dieci incontri dilettantistici valevoli per il Campionato Regionale Elite II serie, organizzati dalla Boxe Tricolore Olmedo del promoter Sergio Cavallari. In apertura, fuori torneo, ha strappato applausi anche la vittoria di Ali El Ouahabi, allievo del maestro Valentino Manca che dopo due riprese equilibrate ha inflitto nella terza tre conteggi al malcapitato Pitera della Regis, poi giustamente firmato dall’arbitro.

Negli incontri di campionato i pugili di casa hanno ottenuto due vittorie e una sconfitta: nei quarti di finale della categoria 64kg un volonteroso Ettore Sergio, pur regalando 16 anni di età al parmense Muzhaqui, ha conquistato la semifinale con una prestazione solida e attenta; nella semifinale 69kg Vadim Balica non è riuscito a replicare il ko della sera prima, perdendo ai punti contro lo sgusciante Camara della Hic Sunt Leones; nella semifinale 81kg, infine, ha dato spettacolo Ilirjan Kodra con una prova di grande incisività e concretezza contro il modenese Cobzaru.

nsr