Alleanza Civica presenta il programma. Tra le priorità, sicurezza e welfare. Rubertelli: “Vogliamo una Reggio protagonista”

Si va dal “Patto per la sicurezza” da sottoscrivere, sull’esempio di altre città emiliane, col ministero dell’Interno all’avvio di una nuova stagione urbanistica, al potenziamento del ruolo politico di Reggio nell’ambito dell’Emilia occidentale e dell’area Mediopadana. Sono questi alcuni dei punti cardine contenuti nel programma elettorale della candidata sindaco di Alleanza Civica, Cinzia Rubertelli.

“Ascolto, confronto e condivisione sono state le parole d’ordine di Alleanza Civica per la costruzione della piattaforma programmatica, elaborata in un’ottica di continuità e coerenza con le battaglie portate avanti in Consiglio comunale e scaturita dall’impegno, da febbraio, di un gruppo di lavoro, aperto a tutti i reggiani, nato per condividere le priorità per Reggio. Vogliamo che si affermi un’azione di governo pluralista e che si ascoltino i problemi dei reggiani”, spiega la Rubertelli. Centrali, nel programma, i temi della sicurezza, della viabilità, del welfare e della riorganizzazione della macchina comunale, a partire dal taglio, drastico, delle consulenze esterne.

“Vogliamo potenziare l’organico della Polizia Municipale – prosegue la Rubertelli – con uomini preparati non per ‘dare più multe’ ma per controllare il territorio. Vogliamo sottoscrivere con il ministro dell’Interno un Patto per la sicurezza, per mettere a disposizione di Reggio più risorse.

A proposito di viabilità secondo la Rubertelli “l’inquinamento si riduce anche favorendo un traffico scorrevole ed evitando inutili imbottigliamenti e restringimenti improvvisi di carreggiate. La parte Nord della città ha bisogno di una vera tangenziale collegata direttamente alla sud-est e serve una soluzione viaria per il traffico Nord Sud cioè dalla zona industriale alla zona residenziale: a chi propone suggestioni irrealizzabili diciamo che bisogna prima terminare le opere ancora avviate. Vogliamo potenziare la vigilanza sui parcheggi dell’ospedale.

Per quanto riguarda il welfare, prosegue la candidata sindaco “gli asili nido ed i servizi per l’infanzia sono strumenti indispensabili che meritano investimenti in armonia con le reali esigenze delle famiglie. Non possono esistere realtà che assorbono una mole d’investimenti sproporzionata rispetto ai reali benefici delle famiglie. Si propone pertanto una ottimizzazione della gestione attraverso l’analisi accurata dei centri di costo”.

Alleanza Civica punta anche a una drastica riduzione della burocrazia attraverso “la nomina di un dirigente, tra quelli in servizio, che risponda solo al sindaco e che sia addetto ai processi di semplificazione e sburocratizzazione”, mentre per quanto riguarda l’organizzazione politica saranno nominati un assessore alle Attività produttive, uno con delega allo Sport, uno alla cultura e turismo e sarà creato un assessorato alla Famiglia e ai Servizi sociali.  Alla voce economia e imprese, il programma prevede “sgravi sulle tariffe e sulle tasse. Visto il calo di attività delle imprese commerciali, occorre abbassare le tasse comunali come quella sui rifiuti, che fa pagare smaltimenti che non esistono più”.

nsr